Bonus Edilizia 2024: tutte le opportunità

Anche l'anno 2024 si preannuncia ricco di opportunità grazie ai nuovi incentivi previsti per il settore edile.

In questo articolo, esaminiamo insieme tutti i Bonus Edilizia 2024, i quali rappresentano un'importante occasione a disposizione di privati e professionisti del settore per valorizzare il patrimonio immobiliare, promuovere la sostenibilità e stimolare l'innovazione nel mondo dell'edilizia.

Panoramica sui Bonus Edilizia 2024: il dettaglio delle agevolazioni previste 

I Bonus Edilizia 2024 continuano a rappresentare una grande opportunità nel settore dell'edilizia in Italia per promuovere la riqualificazione energetica, la sicurezza sismica degli edifici e il rinnovamento urbano.

Molto attenti alla tematica e ai suoi sviluppi, ne abbiamo già parlato in questo approfondimento sull’efficientamento energetico nel quadro del PNRR ma vogliamo tornare sull’argomento per fornirti un quadro ancora più approfondito e dettagliato.

1. Superbonus 

Partiamo dal Superbonus. Nel 2024 scenderà al 70% per i nuovi lavori, ma anche per la prosecuzione dei lavori già avviati mentre, dal 2025 dovrebbe scendere ulteriormente fino al 65%. L’aliquota al 70% riguarda, inoltre, unicamente interventi su condomini e su edifici fino a quattro unità immobiliari possedute da un unico proprietario.

Gli interventi ammissibili includono l'isolamento termico degli edifici, la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con sistemi più efficienti e i lavori di adeguamento sismico.

Nel dettaglio, dunque, gli interventi qualificabili per il Superbonus 2024 si possono raggruppare principalmente in due categorie in base alla loro finalità:

  • Efficienza energetica
    • Isolamento termico su superfici opache verticali e orizzontali che interessano l'involucro dell'edificio con incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell'edificio.
    • Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria, di elevata efficienza energetica, anche attraverso l'uso di energie rinnovabili.
  • Riduzione del rischio sismico (sismabonus)
    • Interventi su edifici situati in zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1, 2 e 3) che portino a una riduzione del rischio sismico che risulti da una o due classi di rischio.

Il Superbonus rappresenta una delle misure più ambiziose introdotte dal governo italiano per incentivare la riqualificazione energetica e la riduzione del rischio sismico degli edifici. Originariamente introdotto nel 2020 come parte del Decreto Rilancio, il Superbonus è stato prorogato e adattato nel tempo per rispondere alle esigenze del settore edilizio e degli obiettivi di sostenibilità ambientale.

Per il 2024, il Superbonus continua a rappresentare un incentivo significativo per proprietari di immobili, condomìni e professionisti del settore edile che intendono migliorare l'efficienza energetica e la sicurezza delle loro strutture.

Per accedere al Superbonus 2024, i beneficiari devono rispettare specifici requisiti, tra cui:

  • La dimostrazione del miglioramento di almeno due classi energetiche dell'edificio, o il raggiungimento della classe energetica più alta, attraverso l'attestato di prestazione energetica (APE).
  • La realizzazione degli interventi entro determinati termini temporali stabiliti dalla normativa.
  • Il rispetto dei limiti di spesa previsti per ciascun tipo di intervento.

2. Bonus ristrutturazioni

Confermato per tutto il 2024 il bonus che permette di usufruire di una detrazione pari al 50% sulle spese sostenute per la ristrutturazione di immobili ad uso abitativo (sia per singole abitazioni, sia per condomini) con un limite massimo di spesa di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare.

Il Bonus Ristrutturazioni è una misura di incentivo fiscale che mira a stimolare gli interventi di ristrutturazione edilizia sul patrimonio immobiliare esistente in Italia, sia per migliorare la qualità abitativa e la sicurezza degli edifici sia per valorizzarne l'estetica e l'efficienza energetica.

Cosa copre il Bonus ristrutturazioni?

  • Ristrutturazione edilizia: interventi volti al recupero del patrimonio edilizio esistente, comprese le modifiche strutturali degli edifici.
  • Manutenzione straordinaria: lavori che riguardano parti strutturali dell'edificio, come il rifacimento di facciate, tetti, la sostituzione di infissi, e l'installazione di sistemi di riscaldamento o raffrescamento più efficienti.
  • Ricostruzione o ripristino dell'immobile: lavori necessari a seguito di eventi calamitosi, purché dichiarati di interesse pubblico.
  • Eliminazione delle barriere architettoniche: interventi volti a migliorare l'accessibilità e la vivibilità degli immobili per le persone affette da disabilità.

Per accedere al Bonus Ristrutturazioni, i lavori devono essere effettuati su immobili residenziali o su parti comuni di edifici condominiali. 

È necessario conservare la documentazione che attesti la natura e l'ammontare delle spese sostenute, inclusi fatture e bonifici bancari. Inoltre, i lavori devono essere realizzati nel rispetto delle normative edilizie e urbanistiche vigenti.

3. Ecobonus

Prorogato anche l’ecobonus, rivolto alla sostituzione di serramenti e infissi, schermature solari o caldaie a biomassa. La detrazione è pari al 50% su spese fino a 60 mila euro, mentre, per i condomini, prevede uno sgravio del 70%. L’importante è che il titolo edilizio venga presentato entro il 16 febbraio 2024.

Questo incentivo fiscale è progettato per incoraggiare i proprietari di immobili a investire in interventi che aumentino l'efficienza energetica delle loro proprietà, contribuendo così alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di CO2

In questo contesto, l'Ecobonus si inserisce in un quadro più ampio di misure ambientali, con l'obiettivo di promuovere una transizione ecologica nel settore delle costruzioni.

Ecco gli interventi qualificabili per l'Ecobonus:

  • Isolamento termico: interventi sull'involucro dell'edificio, come l'installazione di cappotti termici, che mirano a ridurre le dispersioni energetiche. 
  • Sostituzione degli impianti di climatizzazione: installazione di sistemi di riscaldamento, raffrescamento o fornitura di acqua calda sanitaria ad alta efficienza energetica, preferibilmente integrati con fonti di energia rinnovabile.
  • Produzione di energia rinnovabile: Installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria o per la copertura dei fabbisogni energetici dell'edificio.
  • Altri interventi: sostituzione di finestre e serramenti, schermature solari, e sistemi di automazione domestica (domotica) che migliorano l'efficienza energetica dell'edificio.

Come accedere all'Ecobonus 2024 ?

Per accedere all'Ecobonus 2024, gli interventi devono rispettare specifici requisiti tecnici e di performance energetica, dettati dalle normative in vigore. Inoltre, è necessario produrre e conservare la documentazione che attesti la realizzazione degli interventi secondo i criteri previsti, inclusi gli attestati di prestazione energetica (APE) che dimostrino il miglioramento conseguito.

[A proposito di sostenibilità e riduzione dei consumi… Desideri approfondire temi quali efficienza energetica e comfort abitativo per scoprire una soluzione abitativa concepita con una filosofia totalmente innovativa? In questo approfondimento parliamo di Active House e di come, questa particolare soluzione, si comporti come un "organismo vivente", interagendo armoniosamente con il suo ambiente e contribuendo positivamente alla rete energetica.]

4. Sismabonus

Il Sismabonus offre una detrazione fiscale fino all'85% per interventi di adeguamento antisismico su edifici esistenti, con l'obiettivo di ridurre il rischio sismico nelle zone più vulnerabili del paese. Questo bonus è particolarmente rilevante per i proprietari di immobili situati in aree ad alta pericolosità sismica.

5. Barriere architettoniche 

Le agevolazioni relative all’abbattimento delle barriere architettoniche presso le parti comuni di edifici già esistenti sono confermate per tutto il 2024, fino al 2025, e restano pressoché invariate rispetto al passato. 
Si tratta di un sostegno per migliorare la mobilità delle persone soggette a particolari condizioni di disabilità ed è regolato da un bonus pari al 75% delle spese sostenute fino a un importo massimo variabile, da 30.000 a 50.000 euro, a seconda dell’edificio su cui sono eseguiti i lavori.

Gli interventi qualificabili per il Bonus barriere architettoniche includono:

  • Installazione di ascensori e montascale: per facilitare l'accesso ai piani superiori per persone con difficoltà motorie.
  • Rimozione di ostacoli fisici: che impediscono o limitano la mobilità all'interno degli edifici, come soglie, gradini e differenze di livello.
  • Adeguamento di spazi esterni: come la realizzazione di rampe di accesso e la modifica di percorsi esterni per eliminarne le barriere.

L'accesso al Bonus Barriere Architettoniche è soggetto al rispetto di specifici requisiti, che possono includere la necessità di ottenere certificazioni o attestazioni relative alla disabilità da parte di enti o autorità sanitarie. Inoltre, è fondamentale che gli interventi siano realizzati in conformità alle normative vigenti in materia di eliminazione delle barriere architettoniche.

I vantaggi dei Bonus Edilizia 2024 per progettisti, installatori, professionisti del settore e privati

Sei un professionista di settore e vuoi approfondire il tema Bonus Edilizia 2024? Vuoi capire meglio come sfruttare le opportunità a disposizione? Insieme, possiamo iniziare già da ora a lavorare su progetti futuri stimolanti e sostenibili.

Lavorando a stretto contatto con progettisti edili, possiamo sfruttare le agevolazioni 2024 per favorisce l'adozione di tecnologie avanzate e materiali eco-compatibili in cantiere, dedicarci a progetti che evidenziano un forte impegno verso la sostenibilità e l'efficienza energetica. 

Ma di grande importanza è anche l’aspetto formativo; uno scambio continuo di informazioni e di visioni differenti favorisce un accrescimento fondamentale per il successo dei progetti e per il rispetto di tutti i parametri legislativi.

Collaborando con installatori e posatori, invece, vogliamo sfruttare la possibilità di approfondire tecnologie emergenti e interventi qualificati come l'installazione di sistemi di isolamento termico, di pannelli solari, e di sistemi di riscaldamento ad alta efficienza.

Ma i vantaggi sono anche, ovviamente, per tutti i privati che vogliono realizzare interventi di miglioramento energetico, sismico ed estetico delle proprie abitazioni a costi notevolmente ridotti ma con la serenità di avere al proprio fianco un partner competente e d’esperienza come Vanoncini. 

Offriamo un supporto completo che va dalla progettazione alla realizzazione degli interventi, inclusa la gestione delle pratiche burocratiche, garantendo così un'esperienza senza stress!

Come accedere ai Bonus e massimizzare i benefici

A proposito di pratiche burocratiche, vediamo ora come gestire al meglio l'accesso ai Bonus Edilizia 2024 previsti.

Per non lasciare mai soli clienti e partner, il team Vanoncini lavora in modo strutturato applicando tutta una serie di passaggi per assicurare non solo l'accesso agli incentivi ma anche la loro ottimizzazione.

1. Analisi Preliminare
Partiamo da una valutazione iniziale delle esigenze e degli obiettivi. Questo ci permette di identificare e consigliare gli incentivi più adatti a ciascun progetto.

2. Fattibilità tecnica ed economica
Effettuiamo una valutazione della fattibilità tecnica ed economica degli interventi, considerando i limiti di spesa ammissibili e le detrazioni massime previste dai bonus, per massimizzare il ritorno economico.

3. Sviluppo di soluzioni personalizzate
Basandosi sull'analisi preliminare, sviluppiamo soluzioni progettuali personalizzate che ottimizzino gli aspetti tecnici e finanziari degli interventi, garantendo l'accesso ai bonus edilizi.

4. Assistenza nella documentazione
Offriamo un supporto completo nella preparazione e presentazione della documentazione necessaria per accedere ai bonus, inclusi APE (Attestati di Prestazione Energetica), dichiarazioni di conformità, e domande di detrazione.

5. Verifica dell'andamento dei lavori
Durante la realizzazione degli interventi, monitoriamo l'andamento dei lavori per assicurare il rispetto dei requisiti tecnici e temporali stabiliti, intervenendo tempestivamente in caso di necessità.

Che tu sia un professionista di settore o un privato, scegliere Vanoncini significa affidarsi a un partner in grado di offrire soluzioni innovative, sostenibili e personalizzate nel settore edilizio.

Hai dubbi o domande specifiche sui Bonus Edilizia previsti per tutto il 2024? Vuoi capire quali passi seguire per far partire il tuo progetto? Entra in contatto con il nostri specialist!
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web per supportare funzionalità tecniche che migliorano la tua esperienza utente.

Usiamo anche servizi di analisi e pubblicità. Per annullare la registrazione clicca per maggiori informazioni.