La Corte del Futuro Torre Boldone - Bergamo

Quando?
Dove?
Via San Martino Vecchio 24020 Torre Boldone Italia
Tecnologia utilizzata

La struttura fuori terra è stata realizzata con tecnica mista acciaio cemento per gli impalcati mentre i tamponamenti esterni e il guscio interno sono stati interamente sviluppati con tecniche a secco “Struttura e Rivestimento S/R” che prevedono importanti spessori di isolante per raggiungere le performance acustiche e termiche prefissate.

vanoncini_classe_A_torre_boldone
La necessità del cliente

In questo caso il cliente è la stessa impresa e società immobiliare Vanoncini spa, l’obbiettivo era quello di progettare, realizzare e mettere sul mercato edifici residenziali con la tecnica a secco struttura e rivestimento S/R, che fossero confortevoli, energeticamente efficienti (con certificazione CasaClima) e quindi poco inquinanti. Dal punto di vista strategico di salvaguardia del territorio, l’impresa immobiliare Vanoncini spa ha anche perseguito l’obbiettivo di operare una densificazione urbana, sostituendo a una villa energivora un complesso residenziale di 7 unità, ad altissima efficienza energetica, salvaguardando gli spazi verdi a disposizione dei clienti e della collettività.

La soluzione Vanoncini:

L'edifiicio è in Classe A CasaClima e Classe A+ Cened.

Dal punto di vista architettonico l’opera di Torre Boldone rievoca le linee delle cascine storiche bergamasche; con una corretta esposizione sono stati quindi reinterpretati in chiave contemporanea i loggiati per ricreare il senso di socialità tipico delle corti. L’edificio si trova in un contesto urbano tipico dei paesi lombardi. Attorno ad esso ci sono numerose ville private o piccole palazzine che risalgono agli anni 70. La Corte del Futuro si pone come esempio virtuoso di architettura moderna, opportunità di investimento e di salvaguardia del territorio.

La prima forma di energia rinnovabile su cui si basa l’edificio è il risparmio energetico, reso possibile grazie ad un mix di strati e materiali, quali lane di roccia, lane di legno, materassini di poliestere, iperisolanti stratificati Actis, che permettono all’intera struttura, se gestita in modo consapevole, di mantenere livelli di consumo energetico, e conseguentemente anche di emissioni nocive in atmosfera, molto bassi.
Per quanto riguarda gli impianti, gli appartamenti sono dotati di serre captanti opportunamente schermate in estate, riscaldamento e raffrescamento a pavimento a pompa di calore, deumidificazione, aria ventilata meccanica, solare termico a tubi sottovuoto, solare fotovoltaico, recupero acqua piovana per l’irrigazione.

L'edificio è stato certificato in Classe A di CasaClima (15kWh/mq annuo) e Classe A+ Cened (10,42 kWh/mq annuo).

Tempi di realizzazione: 

Realizzazione da gennaio 2010 a marzo 2011

Cartello Cantiere:

Progetto architettonico e tecnologico: Atelier2 - Valentina Gallotti e Marco Imperadori Associati -Milano

Design Team: Prof. Ing. Marco Imperadori, arch. Valentina Gallotti, ing. Paola Trivini

Progetto strutturale: Studio Tecnico Ing. Gian Pietro Imperadori - Darfo Boario Terme (BS)

Progetto impianti: Studio Tecnico Carlini – Bolzano. Ing. Marco Graiff

Progettazione Fisico-Tecnica: Vanoncini S.p.A. settore engineering

Realizzazione: Impresa di costruzioni Vanoncini S.p.A.

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web per supportare funzionalità tecniche che migliorano la tua esperienza utente.

Usiamo anche servizi di analisi e pubblicità. Per annullare la registrazione clicca per maggiori informazioni.